Entra o Registrati

sei già iscritto?

Entra

accedi con i tuoi social...

non sei ancora registrato?

Registrati


#ioscattoacasa


Il Coronavirus non ha fermato la nostra passione.

“Un viaggio dentro le nostre case”, così ci piaceva descrivere il contest all’inizio del lockdown. Erano altri momenti, allora; e un po’ si fantasticava su come si sarebbe potuto convivere a lungo in un ambiente domestico, da soli o con i propri familiari. Ecco che il viaggio di prima si è trasformato, per tutti, in un’esplorazione, alla ricerca innanzitutto di se stessi. Del resto, la casa, prima altro non era se non un “tunnel” tra ieri e domani o al massimo un ricettacolo di convivialità.

Nessun luogo comune

Per un habitat inesplorato, ecco emergere scatti “nuovi”. In esterni sarebbe stato facile cadere nel “già visto” (nulla di male, per carità); tra le mura, la fantasia ha goduto di una libertà unica, che ha reso ancor più ampia la creatività di ciascuno. Addirittura si sono allargati gli ambiti del contest: passando dal piccolo al grande; dalle persone agli animali; dalle vicende umane alle arti (musica, disegno e via dicendo). Si è visto poco cibo (dominante nei social) e la televisione è apparsa in maniera minimale. Bene così.

La “clausura” è stata simbolizzata a dovere, anche se spesso lo sguardo è caduto nel piccolo, dove il lockdown si poteva solo immaginare; ma si trattava pur sempre di ricerca personale, il cui risultato è stato anche piacevole.

La luce, sempre lei

Un altro aspetto positivo del contest è emerso nell’uso della luce. Oggi abbiamo tanti ISO (evviva), ma la fonte luminosa, in ambito domestico, è parcellare; e spesso proviene da un’unica direzione (spesso una finestra). Ebbene, tutto è andato bene, più che decorosamente potremmo dire; segno di un impegno profondo e studiato. Bene così.

Senza tempo

E’ vero: si è parlato di lokdown; ma i lavori visti perdono il contatto col tempo, trasformandosi in un messaggio futuribile. Le fotografie viste non vivranno di sola memoria e nemmeno unicamente di nostalgia: propongono sin d’ora un modello di vita o anche un differente processo di sguardo. Sarà bello rivedere tutto l’anno prossimo o, forse, più avanti ancora. Bene così.

Conclusioni

Alla fine, complimenti a tutti i partecipanti. Il contest ha dato i suoi responsi, ma si è trattato di un arrivo “in volata”. Resta il valore di ciò che è stato fatto, messo peraltro a disposizione di tutti. Abbiamo viaggiato insieme, anche se solo nelle nostre case. La meta era nuova e mai percorsa. Bene così.

Image Academy


I VINCITORI

  • 1° Classificato, abbonamento Image Mag e buono acquisto di €200 Photò19

    MATTEO GROPPO - nonostante tutto il sorriso
  • 2° Classificato, abbonamento Image Mag e buono di €150 ImageAcademy STEFANIA MOLINARI - atleta in terrazza
  • 3° Classificato - Abbonamento annuale a Image Mag.
    SAURA BIANCHI - vite in sospeso...
  • 4° Classificato - Abbonamento annuale a Image Mag.
    LUNA LOIERO - a socoal distancing
  • 5° Classificato - Abbonamento annuale a Image Mag.
    DAVIDE BARESI - mi faccio in quattro

Quando ci sono delle votazioni è del tutto normale che si dica che la scelta è stata difficile, questa volta lo è stato molto di più. Moltissime immagini sono da menzionare, forse tutte, ma ora sarebbero troppe, ci piace pensare che tutte siano il frutto della nostra/vostra grande passione. GRAZIE a tutti per aver partecipato.
Vi aspettiamo al prossimo photocontest

Il nostro obiettivo più grande è la vostra passione


photocontest.photo19.it